Guida acquisto | Pagamento | Recesso | Spedizioni | Privacy | FAQ
Negozio on-line di prodotti farmaceutici
FARMAITA.COM
Spese di spedizione:


NESSUNA SPESA AGGIUNTIVA
PER CONTRASSEGNO
Cerca prodotto/marchio
cercare in trovato
Ricerca avanzata
Catalogo
Newsletter
Ricevi le offerte riservate!
 Iscriviti
Multifolico DHA
Discussione (0 Opinioni)Home / Integratori / Gravidanza e allattamento
И18.70
И22.00
Aggiungi al carrello
Nella cartella dei confronti
Multifolico DHA
Lascia il tuo voto: 
Azienda: Lj Pharma

Multifolico DHA

Multifolico DHA è un integratore di vitamine e minerali, con un elevato contenuto di acido docosaesaenoico (DHA) della serie omega 3 e Luteina, formulato in maniera specifica secondo i LARN della donna in gravidanza.
Utile quindi  nei casi di ridotto apporto con la dieta dei nutrienti che lo compongono o di aumentato fabbisogno come durante la gravidanza o l'allattamento.

La madre deve uno stato nutrizionale ottimale prima,durante e dopo il periodo gestazionale per ridurre il rischio di malformazioni nel nascituro e per ottimizzare il suo stato di salute  

Composizione:

DHA, Luteina, Acido folico,gruppo Vit B,Vitamina E,Vitamina D3,Vitamina H, Ferro,Zinco,Iodio,Fluoro,Rame,Vitamina C.

Confezione:

30 capsule giorno e 30 capsule sera

Posologia:

1 capsula rossa al mattino. 1 capsula rossa alla sera

Gravidanza:

Rappresenta un periodo della vita della donna in cui la richiesta di elementi nutrizionali è notevolmente aumentata per il mantenimento della crescita fetale.
Il nascituro induce nell'organismo materno modificazioni che coinvolgono la maggior parte degli organi e degli apparati. Per ottimizzare il suo stato di salute in gravidanzae per ridurre il rischio di malformazioni nelnascituro è fondamentale che la madre raggiunga uno stato nutrizionale ottimale prima ,durante e dopo il periodo gestazionale.
Durante la gravidanza il metabolismo energetico è alterato per soddisfare la crescente domanda di energia da parte del feto.
A causa del crescente bisogno ed utilizzo di energia ed ossigeno da parte della madre si innalzano i livelli di stress ossidativo.
Si e' visto che i livelli di luteina sono inferiori nelle donne con pre-eclampsia ,questi dati sembrano confermare l'ipotesi che la pre-eclampsia sia uno stato caratterizzato da carenza di antiossidanti. 
Questo stato di stress ossidativo associato alla riduzione del potenziale delle difese antiossidanti endogene dovuto alla necessita' di provvedere anche alle necesssita' del feto sembra causa delle problematiche legate alla salute della gestante
:

- ipertensione pre-eclampsia
- resistenza all'insulina/ diabete.
- oligodramniosi (riduzione delvolume del liquido amiotico)

quindi del possibileparto pre-termine con le conseguenti possibili  problematiche legate alla salute del nascituro:

- sindrome da distress metabolico (RDS)
- danno neurologico
- retinopatia del pre-termine (ROP)
- ritardo di crescita intrauterino (IUGR)


Caratteristiche degli ingredienti:
  • Luteina:

La Luteina e' il principale carotenoide contenuto nell'area centrale della retina,e'un'antioosidante specifico e attivo che aiuta a proteggere l'organismo dallo stress ossidativo.
La Luteina è presente nel latte materno e nel plasma del cordone ombelicale e viene trasfrita dalla madre al feto.
Il livello di luteina nel latte materno è correlato al livello di Luteina nei bambini quindi l'integrazione della dieta materna con questa sostanza puo' avere un effetto positivo sui livelli plasmatici dei carotenoidi nei neonati.
Inoltre filtra la luce blu,cosi' protegge i punti piu' delicati della retina dagli effetti nocivi delle radiazioni luminose.
La luteina è in grado di aumentare la densita' ottica del pigmento maculare.

  • DHA:

Il DHA è un acido grasso essenziale della serie omega-3, è un importante componente strutturale del Sistema Nervoso Centrale. Viene trasferito attraverso la placenta e si accumula nel cervello e nella retina durante la vita fetale.
E' importante per lo sviluppo del S.N.C.: la sua carenza durante lo sviluppo perinatale è associato a modificazioni irreversibili della crescita cerebrale e della capacita' di apprendimento.
Il DHA si trova soprattutto in alimenti di origine animale, i neonati possono sintetizzarlo da un altro acido grasso,l'acido linolenico,se la dieta materna comprende questo acido grasso es: olio di semi di lino,olio di soia,semi di lino macinati.
Durante l'ultimo trimestre di gravidanza si ha un notevole accumulo di DHA nel cervello del feto.
L'assunzione di DHA durante la gravidanza prolunga la gestazione,contribuisce ad aumentare il peso alla nascita e ridurre le possibilita' di nascite premature.
A causa del trasferimento di DHA dalla madre al feto durante la gravidanza la madre tende a impoverirsene; questa, secondo alcuni studiosi, è una delle principali cause di depressione post-partum.
I bambini allattati al seno tendono ad avere maggior presenza di DHA nelle membrane neuronali,se la dieta materna contiene buone quantita' di acidi grassi essenziali.
Inoltre l'integrazione con DHA nelle mamme che allattano migliora lo sviluppo immunologico del bambino.
(Helland LB,Pediatrics 2003,111:e39)
Il fumo di sigaretta abbassa i livelli di DHA nel latte materno,forse per inibizione della sintesi:
(Agostoni C,EJCN 2003,57:1466; Marangoni F., Lipids 2004,39:633)
La supplementazione alimentare va consigliata in particolare alle fumatrici,sia che continuino a fumare sia che abbiano smesso in gravidanza.
Il DHA inoltre è un'importante componente delle membrane vascolari e cardiache numerosi studi hanno dimostrato come l'integrazione con DHA riduca i biomakers associati alla patologia cardiovascolare.

Riassumendo i vantaggi che si ottengono grazie ad un maggior apporto di DHA sono:

Per il bambino:

  • Aumentate capacita' cognitive
  • Aumento del peso alla nascita
  • Sviluppo ottimale delle capacita' visive
  • Maggior maturita' del sistema nervoso centrale

Per la mamma:

  • Limita il rischio di complicanze gravidiche
  • Prolunga la gestazione
  • Previene i disturbi depressivi tipici del post-partum
  • Riduce le possibilita' di nascite premature


  • Vitamine del gruppo B:
Le vitamine del gruppo B hanno valore plastico e favoriscono l'utilizzazione energetica degli alimenti.

  • Vitamina PP:

E' importante per la circolazione periferica ed il metabolismo del capello,per il mantenimento della salute della pelle e lingua,per una corretta attivia' del sistema nervoso, per la formazione ddi tessuti del sistema digestivo.
E' anche fondamentale per la produzione di ormoni sessuali e riduce i livelli di colesterolo.

  • Acido pantotenico (Vit B5):

Mantiene sani pelle e capelli,riduce stress e affaticamento ed è importante per la produzione di anticorpi.


  • Vitamina B1 (Tiamina):

E' importante per la protezione del cuore e del Sistema Nervoso:
E' chiamata anche vitamina del morale per la sua azione benefica sull'attitudine mentale.
E' in rapporto con la capacita' di apprendimento individuale.E' necessaria per la crescita dei bambini e per il miglioramento del tono muscolare dello stomaco,dell'intestino e del cuore.
La vit. B1 è molto utile in gravidanza ed allattamento.

  • Vitamina B6( Piridossina):

E' importante per una buona utilizzazione delle proteine alimentari e in alcune reazioni del metabolismo glucidico e lipidico
La Gravidanza è un periodo particolarmente esposto al rischio di deficit di Vitamina B6,il fabbisogno fetale infatti è molto elevato ne puo'derivare un esaurimento delle riserve materne a volte considerato responsabile di alcune turbe digestive della gravidanza.


  • Vitamina B12:

La Vit B12 partecipa alla sintesi proteica e alla formazione e maturazione dei globuli rossi catalizza la sintesi dell'eme e permette la sintesi delle nucleo-proteine indispensabili all'emopoiesi, agevola la crescita e la rigenerazione dei tessuti;è necessaria al buon mantenimento delle cellule nervose ed epiteliali; interviene nel metabolismo del fosforo e indirettamente nella sintesi del nucleo di alcune cellule (midollo spinale,sistema nervoso).
Il deficit ha conseguenze gravi: anemia e danni irreparabili al sistema nervoso.
Una dieta strettamente vegetariana della madre in gravidanza è pericolosa per il nascituro,specie se sara' in seguito.allattato dalla madre e poi alimentato con dieta vegetariana, i danni neurologici potrebbero essere irreversibili..


  • Acido folico (Vit.B9):

Con il termine Folati si intende un gruppo di sostanze nutrizionalmente e chimicamente riferibili all'acido folico.
L'acido folico non viene sintetizzato nell'organismo ma viene assunto con la dieta,il suo fabbisogno quotidiano in condizioni normali è circa 0,2 mg.
Ha un ruolo essenziale in molte reazioni metaboliche a cui prende parte anche la Vit.B12,partecipano alla metilazione dell'omocisteina ametionina,al metabolismo di alcuni aminoacidi e alla sintesi di RNA e DNA.
La carenza di acido folico provoca una riduzione della sintesi di DNA e RNA e di conseguenza l'insorgenza di gravi manifestazioni a livello soprattutto delle cellule dei  itessuti a rapido turn over,come quelle del midollo osseo.
La carenza di folati in gravidanza è frequente e costituisce un fattore di rischio della comparsa della SPINA BIFIDA nel nascituro,una gravissima turba a carico del midoollo spinale e all'ANENCEFALIA.
Anencefalia e spina bifida sono due difetti a carico del SNC che colpiscono circa 500.000 bambini ogni anno in tutto il mondo.
L'incidenza di queste malformazioni potrebbe essere ridotte efficacemente se le donne in eta' fertile assumessero giornalmente almeno 0,4 mg di acido folico prima della gravidanza e nei 3 mesi successivi
E' dimostrato che l'assunzione regolare di almeno 0,4 mg al giorno di acido folico previene l'insorgenza dei prncipali difetti a carico del tubo neurale (NTD) dei neonati(il rischio di tali patologie si riduce fino al 70% dopo assunzione di acido folico.
perche' sia efficace l'acido folico deve essere assunto dalle donne in eta' fertile nel periodo prcedente la gravidanza e nei 3 mesi successivi al concepimento.
L'acido folico puo' essere preso per lunghi periodi senza problemi,l'importante è non superare la dose di 1 mg al giorno perche' il suo eccesso potrebbe nascondere un'eventuale carenza di vit.B12.
Solo le donne che hanno gia' avuto una gravidanza con NTD devono assumere dosi giornaliere piu' alte,fino a 4 mg,per prevenire i NTD.

I difetti del tubo neurale sono 
- Anencefalia e spina bifida:

  •   Spina bifida occulta
  •    Meningocele
  •     Mielomeningocele

L'Anencefalia è una patologia letale, i bambini muoiono prima della nascita o subito dopo.
Il Ministero della Salute ha dichiarato (Redazione ministerosalute.it-18 novembre 2004) : 
Tutti i difetti del tubo neurale possono essere efficacemente prevenuti assumendo acido folico regolarmente in eta' fertile

L'Acido Folico sembra avere un ruolo ancora non del tutto chiaro nel prevenire altri difetti o malformazioni congenite,come la labiopalatoschisi e alcuni difetti cardiaci congeniti.

Una carenza di acido folico puo' anche dare causare piu'facilmente altri esiti avversi come ritardo di crescita intrauterina,parto prematuro,lesioni placentari etc..

Una riduzione dell'assorbimento dell' ac.folico e\o un conseguente aumento del fabbisogno possono derivare anche dall'a ssunzione di alcuni farmaci come Barbiturici,Estroprogestinici etc..,da un consumo elevato di alcool,dal diabete insulino-dipendente,dalla celiachia,da alcune varianti di gene coinvolti nel metabolismo dei folati,nelle donne affette da obesita' o epilessia 
Le donne che rientrano nei gruppi ad alto rischio sopra descritti,quelle con familiarita' con malattie del tubo neuraleo ancor piu',come gia' detto quelle che hanno avuto una precedente gravidanza con un NTD devono essere seguite con particolare attenzione dagli operatori sanitari perche' potrebbero avere necessita' di assumere quantita' maggiori di acido folico.

Quando va assunto l'acido folico?
Il tubo neurale si chiude entro 30 giorni dal concepimento (tipicamente tra il 17esimo e il 29esimo giorno)
quando la donna spesso non sa di essere incinta.
E' evidente l'importanza dell'acido folico in questa fase,quindi tutte le donne che programmano una gravidanza o che sono semplicemente in fase riproduttiva e non usano misure anticoncezionali dovrebbero assumere acido folico giornalmente,sia tramite dieta che con integratori.
Come minimo l'assunzione dovrebbe avvenire regolarmente perlomeno il mese precedente il concepimento e per i primi 3 mesi di gravidanza.
Gli esperti,vista la difficolta'di soddisfare il bisogno minimo con la sola alimentazione raccomandano di agire in 3 modi:
una dieta ricca di acido folico,l'utilizzo di alimenti fortificati e l'assunzione giornaliera di integratori contenenti  acido folico.

In conclusione ogni donna che preveda o perlomeno non escluda una gravidanza,dovrebbe assumere una pastiglia contenente 0,4 mg di acido folico.

  • Ferro :

Il  Ferro entra nella costituzione dell'Emoglobina,della Mioglobina e di altri enzimi.Come tale svolge funzioni molto importanti,come il trasporto di ossigeno ai tessuti,il trasferimento di elettroni nella catena respiratoria e l'attivita' di sistemi enzimatici importanti.
La carenza di Ferro è responsabile dell'anemia sideropenica, patologia molto difusa in Europa, colpisce circa il 20-30 % delle donne in eta' fertile ed adolescenti, è causata da esaurimento delle riserve.
la carenza di questo elemento provoca ripercussioni negative anche su altri sistemi e meccanismi biologici, come ad esempio il sistema immunitario,i sistemi di neurotrasmissione cerebrale, la termoregolazione.
Clinicamente l'anemia da carenza di Ferro si manifesta con:
- Astenia
- Pallore
- Tachipnea
- Tachicardia.
Nelle fasi precedenti la carenza possono manifestarsi alcuni segnali come difficolta' di concentrazione e affaticabilita' sul lavoro: vanno identificate tramite misurazione dei parametri ematici.
Durante la gravidanza i valori normali sono piu' basse per via dell'EMODILUIZIONE.
La supplementazione di Ferro puo' essere particolarmente  utile in caso di gravidanze ravvicinate.
Durante l'allattamento non sembra che ci sia un significativo aumento del fabbisogno di Ferro rispetto alle donne in normale stato fisiologico.
L'assunzione di Ferro puo' ridurre la disponibilita' di Zinco e Rame,in caso di supplementazione è consigliabile associare al ferro un apporto di Zinco e rame.

Nel primo trimestre di gravidanza il maggior fabbisogno di Ferro e' compensato dall'interruzione dlle perdite mestruali:non sarebbe quindi necessario un aumento dell'apporto.
Poiche' pero' una dieta equilibrata non permette di coprire questa raccomandazione sembra necessaria una supplementazione di Ferro.
( National Research Council, 1989; Commission of  the European Communities,1993 ).
Durante la gravidanza infatti l'organismo  sopperisce alla maggior richiesta di Ferro attraverso la mobilitazione dei depositi interni e ad un aumento dell'assorbimento intestinale che richiede la contemporanea presenza di Vitamina C, Rame,e Vitamina B 12.

Molte donne in eta' fertile presentano un calo delle riserve di Ferro durante la gravidanza riduce il rischio di parti pretermine e di basso peso alla nascita (  l'anemia  sideropenica infatti TRIPLICA il rischio di basso peso alla nascita e RADDOPPIA quello di parto pretermine).

  • Vitamina C:

In gravidanza è richiesta una supplementazione di Vit.C per lo sviluppo delle ossa, dei denti, e per la formazione dei tessuti connettivi del feto.
La Vit.C assunta dalla mamma durante la gravidanza puo'influire sulpeso del feto e sullo sviluppo neonatale
.


  • Vitamina E:

L'azione biologica della Vitamina E è dovuta principalmente alle sue proprieta' antiossidanti.

  • Vitamina D: 

Le sue funzioni principali sono:

  1. La stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale;
  2. La regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo, dei livelli plasmatici di calcio
  3. Il mantenimento di un'adeguata mineralizzazione dello scheletro

In Gravidanza ed Allattamento aumenta il fabbisogno di Vit.D,a causa dell'aumentato utilizzo di calcio e fosfato nella mineralizzazione dello scheletro in crescita,sia nel feto che nel neonato.
Numerosi studi hanno dimostrato che si possono avere stati carenziali a carico non solo della madre ma anche del nascituro a causa di una ridotta esposizione al sole,specialmente in inverno e nal terzo mese di gravidanza.
Si raccomanda l'introduzione con la dieta di 10 microgrammi al giorno.

  • Zinco:

Lo zinco e' distribuito in tutti i tessuti.
E' un componente essenziale di numerosi enzimi, in cui svolge un ruolo strutturale,di regolazione e catalitico.
molti enzimi coinvolti nelmetabolismo delleproteine e degli acidi nucleici sono Zinco-proteine.
Svolge un ruolo importante, insieme al Selenio e allo iodio, nel metabolismo degli ormoni tiroidei.
E' importante per la maturazione delle cellule del sistema immunitario che derivano dal Timo.
Svolge un'azione antiossidante prevenendo la perossidazione lipidica e riducendo la formazione di radicali liberi.
Lo Zinco è necessario per la formazione di ossa e muscoli e puo',in caso di carenza, diventare un nutriente limitante per tale sintesi.
Durante la gravidanza è consigliabile una maggiorazione dell'asssunzione di Zinco per reintegrare la quota escreta con il latte..
E' a rischio la donna vegetariana poiche' buoni quantitativi di Zinco sono presenti nelle carni rosse.
Se la donna ha un basso apporto di Zinco il rischio di basso peso alla nascita raddoppia, aumenta anche il rischio di parto pretermine,il rischio aumenta se è presente anche anemia sideropenica.
E' importante anche valutare l'apporto di Zinco nell'infanzia, il ruolo di questo elemento è analogo a quello del ferro,associato agli indici di crescita e sviluppocorporeo, i bambini pretermine sono i piu' esposti.
da meta-analisi effettuate su 33 studi sull'qrgomento si è giunti alla conclusione che la supplementazione di Zinco migliora la crescita lineare e l'incremento ponderale,nonche' lo sviluppo neurocomportamentale.


  • Rame:

Il rame è necessario per lo sviluppo di una buona struttura ossea, per la sintesi di RNA e delle proteine,per un corretto funzionamento enzimatico e cellulare e per un buon equilibrio delsistema nervoso.
Influenza la funzionalita' cardiaca.
Stati di carenza sono stati osservati nell'infanzia in neonati pretermine,in lattanti nutriti con latte vaccino non modificato,in bambini denutriti.
Il latte umano è ricco di Rame, durante l'allattamento si indica comunque un aumento dell'apporto giornaliero di Rame.

  • Selenio:

Come abbiamo in parte gia' visto, e'un minerale che seppur in dosi minime, ha un ruolo molto importante per l'uomo.
Entra nella composizione della Glutatione perossidasi,ha quindi effetto anti ROS,ed è inoltre implicato nella regolazione di alcune funzioni vitali, quali la sintesi degli ormoni tiroidei,lo sviluppo degli spermatozoi,la funzione immunitaria, etc.

Il Selenio grazie alla sua azione antiossidante e antiradicalica,si comporta come una sostanza ad azione antinfiammatoria,di conseguenza ogni condizione associata ad un aumento dello stress ossidativo e dell'infiammazione potrebbe trarre beneficio dalla somministrazione di Selenio.


 Iodio:    
                                                Benefici

GESTANTE BAMBINO
Riduce le alterazioni morfo-funzionali Tiroidee Riduce le alterazioni  sviluppo neuro psichico
Riduce Parto pretermine Ipotiroidismo neonatale transitorio
 

Un'integrazione di Iodio in gravidanza favorisce lo sviluppo delle funzioni motorie e cognitive del bambino.
Il fabbisogno di Iodio durante l'allattamento aumenta perche' lo Iodio contenuto nel latte materno è utilizzato dal neonato per la sintesi degli ormoni tiroidei.
La funzione tiroidea fetale dipende interamente dallo Iodio proveniente dal circolo materno attraverso la placenta.

  • Biotina:

La biotina partecipa alle reazioni di sintesi di acidi grassi,carboidrati e aminoacidi.









 
Hai delle domande?
Ci puoi contattare tramite il modulo qui sotto.
Nome
Conferma E-mail
Messaggio (domanda)
code
Invia
FARMACIA SAN PIETRO di Dott.ssa Notari Marina
via A.Cecchi, 63R A.S.L. 03 - 16129 Genova
P.IVA 01763710991
© Studio ENOT